corso di preparazione al concorso

403 dirigenti

Agenzia delle Entrate

Il concorso per 403 dirigenti Agenzia Entrate

ANNULLATO IL BANDO

Con un provvedimento a firma del direttore generale Rossella Orlandi e pubblicato sul sito web istituzionale il 15 marzo 2017, è stato annullato il concorso pubblico per il reclutamento di 403 dirigenti di seconda fascia, bandito il 6 maggio 2014. L’annullamento è stato compiuto in autotutela dall’Agenzia dopo la sentenza del Tar del Lazio (n. 9846/2016 pubblicata il 20 settembre 2016) che ha accolto il ricorso presentato dal sindacato Dirpubblica – Federazione del Pubblico Impiego, per l’annullamento previa sospensiva del bando. I motivi del ricorso erano legati alla riserva di posti al personale interno (troppo alta secondo il sindacato) e alla valutazione dei titoli (che privilegerebbe chi è stato nominato dirigente senza avere superato un concorso pubblico).

2017: IN ARRIVO BANDO PER 496 POSTI

Concorsi in vista all’Agenzia delle Entrate. Che non si tratti più soltanto di voci di corridoio lo conferma il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’1 dicembre 2016, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 5 gennaio 2017.
Il decreto autorizza assunzioni a tempo indeterminato presso il Consiglio di Stato, la Corte dei Conti, il Ministero dell’Interno e l’Agenzia delle Entrate. In tutto si tratta di 800 posti, di cui ben 740 a favore dell’Agenzia delle Entrate.

AGENZIA DELLE ENTRATE: I CONCORSI IN ARRIVO

Le assunzioni 2017 presso l’Agenzia delle Entrate, come si evince dalle tabelle allegate al testo del decreto, sono così ripartite:
• 244 da scorrimento di precedenti graduatorie di idonei
• 467 da concorso pubblico – profilo Funzionario – Area III F1
• 29 dirigenti da concorso pubblico
In totale quindi è lecito aspettarsi entro l’anno l’uscita di due bandi: uno per 467 funzionari e uno per 29 dirigenti.

DIRIGENTI: ANNULLATO BANDO PER 403 POSTI

Con un provvedimento a firma del direttore generale Rossella Orlandi e pubblicato sul sito web istituzionale il 15 marzo 2017, è stato annullato il concorso pubblico per il reclutamento di 403 dirigenti di seconda fascia, bandito il 6 maggio 2014. L’annullamento è stato compiuto in autotutela dall’Agenzia dopo la sentenza del Tar del Lazio (n. 9846/2016 pubblicata il 20 settembre 2016) che ha accolto il ricorso presentato dal sindacato Dirpubblica – Federazione del Pubblico Impiego, per l’annullamento previa sospensiva del bando. I motivi del ricorso erano legati alla riserva di posti al personale interno (troppo alta secondo il sindacato) e alla valutazione dei titoli (che privilegerebbe chi è stato nominato dirigente senza avere superato un concorso pubblico).

IL CONCORSO PER DIRIGENTI

Il 13 maggio 2014 L’Agenzia delle Entrate ha bandito un concorso per selezionare ed assumere 403 dirigenti di seconda fascia (vedi il bando). Il 50% dei posti era riservato ai funzionari già in ruolo all’Agenzia delle Entrate, laureati, appartenenti alla terza area funzionale. Il resto dei posti disponibili poteva essere assegnato, tramite concorso pubblico, a dirigenti di amministrazioni pubbliche e a cittadini italiani laureati che avessero svolto alcuni anni in un ruolo dirigenziale all’interno di amministrazioni pubbliche e organismi internazionali. Il termine per l’invio delle domande era il 12 giugno 2014.

REQUISITI

Al concorso sono ammessi a partecipare:
• i dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, laureati, che abbiano compiuto almeno cinque anni di servizio o, se in possesso del dottorato di ricerca o del diploma di specializzazione (conseguito presso le scuole di specializzazione individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca), almeno tre anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l'accesso alle quali è richiesto il possesso del dottorato di ricerca o del diploma di laurea.

Per i dipendenti delle amministrazioni statali reclutati a seguito di corso-concorso, il periodo di servizio è ridotto a quattro anni;
• i soggetti in possesso della qualifica di dirigente in enti e strutture pubbliche non ricomprese nel campo di applicazione dell'articolo 1, comma 2, del d. lgs. 30 marzo 2001, n. 165 (Testo Unico del Pubblico Impiego)*, muniti del diploma di laurea, che hanno svolto per almeno due anni le funzioni dirigenziali;
• coloro che hanno ricoperto incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a cinque anni, purché muniti di diploma di laurea;
• i cittadini italiani, forniti di idoneo titolo di studio universitario, che hanno maturato, con servizio continuativo per almeno quattro anni presso enti o organismi internazionali, esperienze lavorative in posizioni funzionali apicali per l'accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea.
Per “laurea” si intende sempre quella specialistica o magistrale.

Altri requisiti:
• godimento dei diritti civili e politici;
• cittadinanza italiana;
• idoneità fisica all’impiego;
• posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva per i cittadini soggetti a tale obbligo.

Una serie di contenziosi e una successiva sentenza della Corte Costituzionale hanno di fatto bloccato lo svolgimento del concorso fino ad oggi.
Una sentenza emanata dalla prima sezione del Tar dell'Umbria il 30 aprile 2015 (n. 192) ha stabilito che per le assunzioni di personale dirigente a tempo indeterminato negli enti pubblici vanno espletate procedure paraconcorsuali che garantiscano il rispetto dei principi di trasparenza, imparzialità e par condicio.
Questo, in concreto, significa che i criteri di valutazione dei candidati devono essere dichiarati già nel bando e che i requisiti richiesti per l’accesso alle posizioni dirigenziali dovranno essere illustrati in modo analitico e non generico (come nel bando del caso oggetto del contenzioso); pertanto si delinea uno scenario in cui è possibile che il concorso venga nuovamente bandito a breve, tenendo conto delle raccomandazioni dei giudici amministrativi.
Leggi l’articolo de Il Sole 24 Ore del 7 maggio 2015.

ITER SELETTIVOdel concorso

La selezione dei candidati avverrà tramite valutazione dei titoli e prove d’esame, che comprendono:
• eventuale PROVA PRESELETTIVA
• PROVA ORALE: esposizione del proprio percorso formativo e professionale con focus sulle competenze acquisite e le capacità manageriali; colloquio sulle materie della prova scritta; conoscenza di una lingua straniera (tra inglese, francese, tedesco e spagnolo); capacità informatiche.
• PROVA SCRITTA, che consiste nella soluzione di quesiti a carattere teorico-pratico riguardanti le seguenti materie e argomenti:  diritto tributario e scienza delle finanze; diritto amministrativo; pianificazione, organizzazione e sistemi di controllo; gestione delle risorse umane; gestione delle risorse materiali; gestione dei sistemi informativi; il sistema catastale; il sistema di pubblicità immobiliare; strumenti e tecniche estimali; ordinamento e attribuzioni dell’agenzia delle entrate. I quesiti saranno proposti per aree tematiche e il candidato potrà scegliere quella sulla quale effettuare la prova.

Date Utili

Il corso per 403 dirigenti Agenzia Entrate

Istituto Cappellari, forte della sua pluridecennale esperienza nella preparazione ai concorsi pubblici, propone un corso di preparazione al concorso per dirigenti dell’Agenzia delle Entrate nella modalità F.A.D., formazione a distanza, nella quale ha maturato una solida esperienza.
Il corso è erogato attraverso modalità semplicissime da utilizzare, per le quali non è richiesta nessuna competenza informatica specifica.  E’ sufficiente avere un computer o tablet o smartphone collegato a internet. Possono accedervi solo gli iscritti al corso e sono fruibili le videolezioni on line dei nostri docenti insieme ai materiali didattici e dispense fornite come supporto alla didattica. Le lezioni, registrate con tecnologia Full HD, sono rivedibili infinite volte.

METODO DIDATTICO:VIDEO LEZIONI, SCHEMI, QUIZ, QUESTIONARI

Il metodo didattico si contraddistingue per la particolare scelta dei docenti e per un forte approccio alle esercitazioni. Il corso vuole offrire competenze e un metodo vincente ai candidati per farli concentrare sugli argomenti più a rischio, sulla base delle indicazioni e dell’esperienza dei nostri docenti. Accurate slide (schematizzazioni), questionari e quiz a scelta multipla, guidano gli allievi nel graduale apprendimento delle materie previste dal bando.

chiama il nostro numero verde

800.771955

o clicca qui per essere ricontattato (int. 2)

Contatti

Sede centrale

Istituto Cappellari
Via del Lavoro 26 - 44122 Ferrara (FE)
Tel. 0532.240404 (interno 2)
Tel. 800.771955 (interno 2)
E-mail: concorsi@istitutocappellari.it
Orientatori: Angela Fabbri, Luca Landini, Daniela Travagli

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 - 19.00 (orario continuato)

Autorizzo Istituto Cappellari a raccogliere la mia email e i miei dati in modo che Istituto Cappellari possa inviarmi aggiornamenti su questo concorso. I tuoi dati saranno memorizzati sulla piattaforma italiana di Mailup.it. In qualsiasi momento potrai cancellarti. Per informazioni puoi contattare il responsabile del trattamento dati (tel. 0532.240404) o consultare la nostra privacy policy.

DEV using the Force by SEXTANTFERRARA